Scopriamo le porte aperte sul router o firewall

Verificare le porte aperte  sul router o firewall ci renderà meno vulnerabili

Blocchiamo porte aperte sul routerLa connessione costante su internet della nostra rete, che sia casalinga o lavorativa, ci rende vulnerabili o alla mercé di chiunque voglia impossessarsi dei nostri dati sensibili, immagini o prendere il controllo dei dispositivi IoT (internet of things). Come per un altro articolo scritto sulla protezione della WiFi, dobbiamo riuscire a renderci il meno vulnerabili possibili anche dalla connessione internet, ma iniziamo dalle basi: cosa sono le porte e il nostro ip pubblico.

L’indirizzo ip, pubblico è quello che si assegna il provider della connessione internet, ci identifica nel mondo come fosse il numero di telefono di casa, mentre quello privato è quello che ci identifica nella nostra rete local lan.

Le porte sono un label (etichetta) che identifica i singoli pacchetti del traffico rispetto al servizio utilizzato: si differenziano i pacchetti della posta elettronica da quella della navigazione sul web, dallo streaming alle telefonate voip; vi rimando alla pagina di Wikipedia per approfondire la tematica.

Io utilizzo il sito IpFingerPrint.com che nella versione normale dando l’indirizzo ip pubblico vostro o un altro conosciuto e il range delle porte vi segnalerà quali sono aperte e a quale servizio è destinato, mentre nella versione advanced ha anche l’opzione ‘Detect OS‘ per determinare quale sistema operativo risponde. Sicuramente meno porte sono aperte e meno problemi ci portiamo in casa, se ne abbiamo bisogno utilizziamo la funzione, se esistente nel proprio router, Port Forwanding che permette di usare una porta diversa per la connessione esterna reindirizzandola su quella corretta internamente. La porta per il desktop remoto è la 3389, per sviare eventuali attacchi, potremmo usare la porta 13389 e poi forwardala sulla corretta 3389, ricordandoci però di impostare il client RDP con l’indirizzo miosito.com:13389

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.